Comune di Cusano Mutri  
 
 
>>> >>> >>>  sito ufficiale web  del comune
 
 
 
STORIA
http://www.comunecusanomutri.it/index.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000002.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000003.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000004.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000005.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000006.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000007.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000008.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_00000a.htm http://www.comunecusanomutri.it/comune_cusano_000001.htm barra nuovo comune 02
 
 
 
[storia locale]  i comuni della provincia di bn di A. Meomartini
 
pag.
 
06
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
fonte: I Comuni della provincia di Benevento di A. Meomartini editoriale De Martini di G. Ricolo e C.
CIVITELLA  
Andando da Cerreto Sannita verso Cosano Mutri, a 4 chilometri di distanza pria di questo comune, trovasi Civitella, presentemente frazione del comune di Cusano Mutri.  
Numera 8 in 900 abitanti. Non è improbabile che Civitella abbia preso il nome da Civitas come diminutivo, piccola città, per contrapposto alla Civitas Thelesiae, che era la grande città. Presentemente la s'è voluta chiamare Civitella Licinio, e a dire il vero ignote ci sono le ragioni di questa nomenclatura.  
Esisteva nell'ottavo secolo, e insieme a Telese fu donata ai Cassinesi (Ostiense, pag. 171). È segnata per terra autonoma nel cedolario del 1320 con la tassa di once 2 e tari 22 nel giustizierato di Terra di Lavoro. Anche presentemente ha un catasto separato da quello di Cusano e un territorio speciale di circa 4500 moggi. Posteriormente fu annoverato fra i casali di Cerreto, e seguì le sorti feudali della casa dei Sanframondo e della Contea di Cerreto fino al secolo XV, quando passò ai Carafa, toltane la breve dominazione dei d'Artus.Il paese fu rovinato dal tremuoto del 1688; e il Magnati lasciò scritto nello stesso anno: "Civitella non si riconosce dove fosse stata giammai edificata, perché tutta sepolta tra le rovine degli suoi edifici e fabbriche, essendovi rimasta pochissima gente che si ritrovava fuori nelle campagne ".  
SOPPRESSIONE DEL COMUNE DI CIVITELLA 
Testo del R.D. n. 3536 del 20 gennaio 1867 
(archivio ing. D. Civitillo per gentile concessione)
 
 
 
31122009